4 / 12 OTTOBRE 2019 - VICENZA

VOLKSWAGEN SVELA UN RETROFIT ELETTRICO DEL CELEBRE TYPE 2

Volkswagen, in occasione del ventesimo anniversario del proprio centro di ricerca di elettronica (Electronics Research Laboratory) in California, ha svelato un concept di retrofit elettrico del famosissimo microbus Type 2.

VW ha annunciato la rinomina del laboratorio in “Innovation and Engineering Center California (IECC)” e  l’estenzione del suo ruolo come cuore dell’espansione nelle risorse ingegneristiche del marchio nel Nord America.”

Scott Keogh, presidente e CEO di VW Group America, afferma: “ Il futuro di VW Group sarà definito dal nostro successo nello sviluppo di nuove tecnologie disegnate per soddisfare i bisogni dei nostri clienti.”

Per l’occasione, grazie alla collaborazione con Electric GT, un’azienda californiana specializzata nei retrofit, VW ha realizzato una versione elettrica del microbus Type 2 del 1962.

Tuttavia questo è un esemplare esclusivamente da vetrina, essendo infatti equipaggiato con una batteria da soli 10kWh, che sicuramente non le garantisce sufficiente autonomia di spostamento.

Ecco alcune chicche equipaggiate su questo esemplare:

  • Un sistema di sospensioni che consente al veicolo di alzarsi quando il pilota si appresta a salire.
  • Un sistema per il riconoscimento facciale integrato con un assistente virtuale che registra e identifica l’utente.
  • Un assistente digitale di conversazione, che attraverso dei microfoni direzionali in 3 diverse zone riescono a coprire interno e prossimità esterne del veicolo.
  • Un sistema di infotainment olografico: ovvero, un display olografico integrato sul cruscotto, che genera immagini 3D senza l’uso di occhiali.

Il veicolo, che è stato rinominato Type20, è visibile allo IECC in occasione della celebrazione del ventesimo anniversario, insieme ad altri prototipi, concept e veicoli storici di VW.

Restate connessi per scoprire le prossime NEWS sul mondo della mobilità sostenibile e sul Festival CI.TE.MO.S. che avrà luogo a Vicenza tra il 4 ed il 12 ottobre.

E non dimenticate di seguirci su Instagram per rimanere sempre aggiornati sul mondo dell’elettrico.

KICKING GAS: L’ELETTRICO SECONDO SCHWARZENEGGER

Arnold Schwarzenegger è tornato, più agguerrito che mai!

La sua missione? Non farti acquistare un’auto elettrica.

Il famosissimo attore austriaco naturalizzato statunitense, ex-governatore della California, lascia gli abiti da Terminator per impersonare quelli di un venditore d’auto, tale Howard Kleiner, amante dei veicoli a benzina e delle camice hawaiane stile Magnum P.I.

Durante il breve video intitolato “Kicking Gas”, che potete trovare QUI, Schwarzenegger utilizzerà tutta la sua possente ed esilarante fisicità per far desistere i malcapitati dall’acquisto di un’auto elettrica.

Come? Proponendo, per esempio, una Hammer allo sfortunato di turno che invece era più propenso ad una BMW i3, oppure palesando ad una coppia di mezz’età che riempire il serbatoio ad una stazione di rifornimento è più soddisfacente del sesso.

Insomma, ci proverà in tutti i modi … a farti capire che la conversione all’elettrico è una necessità che ognuno di noi dovrebbe avere.

Questo corto, però, dimostra un’altra difficoltà che gli acquirenti di auto elettriche (EV per chi preferisce il termine tecnico) incontrano nel processo di scelta ed acquisto del mezzo: l’avversità di alcuni dealer che propendono verso il motore endotermico, perché associato ad attività di manutenzione che il concessionario non riuscirebbe a vendere sui modelli elettrici (senza contare il fatto che non tutti i venditori sono adeguatamente preparati sulla mobilità elettrica).

CON H55 LA MOBILITÀ ELETTRICA SI LIBRA NEL CIELO!

H55, spinoff di Solar Impulse (progetto di volo alimentato a energia solare), ha annunciato di aver completato con successo un volo con un velivolo biposto completamente elettrico: un traguardo storico per i VTOL (Vertical Land and Take Off) elettrici e lo sviluppo dei taxi volanti.

Il velivolo a zero emissioni, un Bristell Energic, è equipaggiato con il sistema di propulsione di H55, mentre è costruito da BRM Aero. L’aereo può stare in volo per 90 minuti. Il modello H55 può offrire 45-60 minuti di missione di volo con riserva di energia sufficiente per un tipico programma di addestramento, cosa che ha intercettato l’interesse di moltissime scuole specializzate.

L’Energic usa 2 pacchi batteria da 50 kW/h, che si ricaricano completamente in un’ora, può salire di livello a 900 piedi (circa 274 metri) al minuto e stima che il costo in energia di un volo si attesti attorno ai 7 dollari.

Solar Impulse è conosciuta per il suo incredibile record di volo alimentato da energia solare e il suo ex-CEO nonchè pilota André Borschberg vuole ora puntare sul più accessibile H55, progetto che supervisiona come
co-fondatore e presidente esecutivo.

André Borschberg, ex- CEO e pilota di Solar Impulse, ora co-fondatore e presidente esecutivo di H55, dice in una dichiarazione: “Il trasporto aereo elettrico trasformerà profondamente e migliorerà la mobilità urbana. La propulsione elettrica ha consentito la nascita del mondo dei droni, farà lo stesso con l’aviazione. Il Bristell Energic è una pietra fondante nello sviluppo di nuove soluzioni nella aviazione per il trasporto, dove le sfide principali sono la sicurezza e la certificazione. Con i nostri aeroplani in volo e monitorando le loro performance, H55 continuerà ad accumulare informazioni e conoscenza essenziali per lo sviluppo dei VTOL e dei taxi volanti”.

Restate sintonizzati per scoprire le prossime news sul mondo della mobilità elettrica e sul Festival CI.TE.MO.S. 2019, che prenderà luogo a Vicenza tra il 4 e il 12 ottobre.

Vuoi avere maggiori informazioni sull’evento? Parliamoci!

Iscriviti alla newsletter